Mate, cambiare il colore di sfondo delle finestre.

Le vostre finestre vi sembrano troppo “anonime” e prive di colore? …
ecco come modificarle sulla mia Linux Monfy-Mate
(Screencast effettuato con il programma Kazam presente nella remix Monfy-mate)
Con il DE Mate cambiare il colore di sfondo delle finestre è semplicissimo.

guardate il video

se l’articolo vi piace, aggiungete il mio canale you tube e mettere “mi piace” a questo sito ^_^

Ubuntu: come correggere gli errori d’installazione di un pacchetto

Dopo aver scelto di fare il grande passo di passare a Linux, ma soprattutto a Ubuntu o a una sua derivata, come: Kubuntu, Edubuntu, Lubuntu, ecc ecc; e dopo averlo installato per bene, non ci resta altro da fare che popolarlo con tante belle cose che a noi ci servono.

Quindi, come sempre succede, cominciamo a installare nuovi software, temi, giochi estensioni ed altro. Ovviamente, il modo e il metodo più semplice e alla portata di mano è quello di utilizzare il Software Center. Questo se non si è uno come me, amante della riga di comando e del Terminale, in questo caso.

Ovviamente, l’Ubuntu Software Center da la possibilità di fare ricerche mirate ed installare, quello che a noi fa piacere e noi vogliamo, oppure rimuovere le varie cose installare in precedenza con pochi click.

Però delle volte, in alcuni casi molto spesso, può succedere che una volta installato il pacchetto software che a noi piaceva, attraverso le PPA oppure direttamente da un pacchetto .deb ci vengano indicati degli errori in fase d’installazione.

Rovinandoci così la buona disposizione e la felicità, impedendoci di effettuare nuove installazioni e peggio ancora aggiornare Ubuntu.

Quindi come si può risolvere questo problema?
Semplice, utilizzando questa guida e soprattutto il Terminale.

Dunque, lasciamo le parole di troppo e mettiamoci a lavorare.

Schermata-Ubuntu Software Center

Avviare il Terminate (CTRL + ALT + T), e diamogli in pasto il primo comando:

sudo apt-get –fix-broken install
Risolve il problema aggiungendo le dipendenze mancanti richieste dal pacchetto installato in precedenza.

Potrebbe già capitare, come già segnalato da un mio amico e utente, che quel comando non dia e non risolva sempre il problema. Quindi, si può usare quest’altra serie di comandi:

sudo rm /var/lib/apt/lists/* -vf
sudo apt-get update
Però, anche così sembra che qualcuno abbia dei problemi. Quindi, andiamo giù in modo pesante e cattivo a risolvere il problema, con i seguenti comandi:

sudo apt-get clean
sudo apt-get autoclean
sudo apt-get autoremove
e anche con:

sudo dpkg –configure -a
sudo apt-get update
Questa serie di comandi, dovrebbe risolvere al 90-95% dei vostri problemi. Se ciò non aviene e i vostri problemi persistono, l’unica alternativa è quella di cercare di reinstallare e aggiornare la vostra distro Ubuntu o derivata.

NOTE IMPORTANTI:
La guida in causa funziona su Ubuntu in tutte le versioni, ma anche per tutte le sue derivate e persino su Linux Mint.
{{–fonte del post: l’esperienza decennale con ubuntu e derivate, ma anche i manuali ufficiali–}}

Richiedi i CD/DVD direttamente a casa

Non hai una connessione veloce e non riesci a scaricarti la ISO?
Oppure più semplicemente non sei riuscito a masterizzare la ISO scaricata sul DVD.

Nessun problema!
Direttamente dal wiky di Ubuntu.it i volontari ne preparano uno appositamente per te

Ordina i CD dalla Comunità Italiana

mZ3dB2j2GGQEB8VRe8fvdrg

La Comunità Ubuntu-it offre il servizio del Progetto Ubuntu CD.
Leggi attentamente le istruzioni riportate sul wiki, e ordina subito la versione che preferisci.
I CD ti saranno recapitati a casa in pochissimi giorni.

E se vuoi un’altra distribuzione NON ufficiale, oppure anzichè un dvd vorresti una pen Drive?
Anche qui nessun problema.. Contattami con un messaggio privato su Facebook
basta che mi dici che configurazione ha il tuo pc (32 / 64 Bit) quanta Ram ha (1/2/4/8 Gb) e che versione di linux vorresti installare (se hai qualche dubbio puoi sempre chiedere qualche suggerimento.

Il costo? …

Pagherai solo i Supporti (dvd o pen drive) L’imballaggio (busta imbottita) la cover, il porta cd e le spese di spedizione…

più o meno lo stesso prezzo che pagheresti tu per l’acquisto di un dvd+i francobolli andata/ritorno e il pacchetto postale…

SCRIVIMI !  e avrai la tua copia di

Ubuntu
xubuntu
lubuntu
kubuntu
ubuntu-mate
Mint cinnamon
Mint mate
Monfy-mate
ExtremaMint
OpenMandriva
o qualunque altra distribuzione Linux tu voglia provare,
con la garanzia di una prova d’avvio e installazione sui miei pc…

Bootable Ubuntu USB Flash

Velocizzare Monfy-Mate e Ubuntu diminuendo il lavoro della “swap”

Con i pc più vecchi, quelli che hanno solo un giga di ram, l’utilizzo dello spazio di swap è utilizzato molto spesso facendo rallentare il pc…
per ovviare un pò a questo problema, vediamo come ridurre l’utilizzo della swap con una piccola modifica e utilizzando come sempre il nostro benemato terminale

Per chi non lo sapesse su Linux esiste una partizione dedicata ad aiutare il consumo di Ram quando questo sta per esaurirsi denominata Swap.

La Swap è una semplice partizione che lavora come Memoria Virtuale nel nostro Pc quando il consumo di Ram è quasi al limite alcuni dati verranno spostati dalla Ram alla Swap per permettere il corretto funzionamento dei programmi.

Questo non vuol dire che possiamo usare la Swap al posto della Ram dato che la velocità è di molto inferiore ma evita blocchi improvvisi di alcuni programmi.
Su Ubuntu la Swap è impostata ad avviarsi quando si supera il 60% del consumo di Ram, in poche parole se abbiamo 1Gb di Ram quando il consumo sarà superiore di 600mb alcuni dati verranno passati su di essa come possiamo notare dall’immagine posta sotto.

Per chi ha come nel caso dell’esempio 1Gb di Ram molto spesso si superano i 600mb di Ram basta semplicemente avviare un browser e un player audio su Ubuntu Natty ed ecco già superata con un piccolo rallentamento del sistema.

In questo articolo vedremo come Gestire al meglio la Swap o disattivandola o facendo si che si attivi solo quando siamo vicini al 100% di consumo di Ram in modo tale da avere sempre un Sistema Operativo veloce e reattivo.

Per vedere la percentuale d’utilizzo della Swap basta da terminale digitare:

cat /proc/sys/vm/swappiness

normalmente troveremo come risultato 60 ossia la percentuale di Ram la quale superata verrà attivata la Swap per allocare alcuni dati presenti nella Ram.

Schermata-salvatore@salvatore-R: ~

Possiamo far si che questa si avvii quando superiamo per esempio 80% del consumo di Ram basta da terminale digitare:

sudo pluma /etc/sysctl.conf
(attenzione su alcune versioni di Ubuntu e derivate non c’è Pluma come editor ma Gedit o altro, quindi al posto della parola Pluma dovete inserire il nome del vostro editor ad esempio “sudo gedit /etc/sysctl.conf ” )

e aggiungiamo in fondo una riga con la dicitura

vm.swappiness=80

inseriremo la percentuale di Ram dopo la quale partirà anche la Swap nel nostro precedente esempio basta digitare vm.swappiness=80 salviamo e riavviamo.

Schermata-salvatore@salvatore-R: ~-1

Al riavvio per confermare ridigitiamo cat /proc/sys/vm/swappiness e noteremo il cambiamento di percentuale d’avvio di Ram da noi precedentemente impostato.

Suono di avvio stile ubuntu 10.04 e precedenti…

Vi ricordate il suono classico di ubuntu all’avvio del sistema?

Nelle ultime Distribuzioni è stato eliminato e la disto si avvia in un triste silenzio…

Nella mia remix Monfy-mate ho reinserito il suono d’avvio,

bastano pochi passaggi ed’è possibile inserirlo anche sulle altre distribuzioni Ubuntu

(n.b. non è testato su altre remix o derivate)

aprire dal menù sistema di mate la voce preferenze/applicazioni di avvio e aggiungete un demone,

incollare questa stringa

/usr/bin/canberra-gtk-play –id=”desktop-login” –description=”GNOME Login”

salvare e riavviate…

ora il suono di avvio è presente ^_^

Ubuntu-Mate-Cold

Parliamo di … MATE (Desktop Environment)

Schermata

MATE è un fork del progetto Gnome 2 e, come XFCE, è un desktop environment molto apprezzato da chi cerca un ambiente grafico classico, senza rinunciare a qualche piacevole effetto grafico. È stato confermato il suo inserimento nei repository ufficiali a partire da Ubuntu 14.10 (Utopic Unicorn).

Requisiti minimi:

CPU                700 Mhz        Consigliato 1 Ghz
RAM                512 MByte    Consigliato 1 Gigabyte
scheda video  VGA800x600 Consigliato VGA1024x768
MATE non necessita dell’accelerazione 3D.

È possibile provare MATE in versione live?
Si può provare l’ambiente MATE in modalità live scaricando la derivata Ubuntu MATE, disponibile nelle versioni 14.04 (Trusty Tahr) e successive. Per le versioni precedenti di Ubuntu è possibile provare i rilasci di altre derivate non ufficiali, come ad esempio Linux Mint.

  • Posso installare MATE su un vecchio portatile?
    Mate deriva direttamente da GNOME 2, DE risalente ai primi anni 2000, e sviluppato fino al 2011. Solitamente funziona bene su computer di metà anni duemila, con almeno 512Mb di memoria RAM (consigliata 1 Gb). Nel caso si ravvisi una non sufficiente fluidità del sistema, si raccomanda di utilizzare desktop environment più leggeri come LXDE.

  • Che differenze ci sono tra i meta-pacchetti mate-core, mate-desktop-environment e mate-desktop-environment-extra?

    • mate-core: installa solo i pacchetti indispensabili per il funzionamento del desktop environment.
      È consigliabile utilizzare il solo mate-core in caso di installazione su computer con caratteristiche hardware molto vicine ai requisiti minimi o nel caso si voglia evitare di installare componenti che saranno presumibilmente non utilizzati.

    • mate-desktop-environment: installa tutti i componenti di MATE.

    • mate-desktop-environment-extra: installa pacchetti aggiuntivi: una guida al desktop-environment, applet per monitorare le prestazioni del computer, ecc.

Liberamente condiviso da Qui

ridistribuito secondo licenza CC

cc

Monfy-Mate è appunto una Remix di Ubuntu-Mate e si porta dietro tutta una comunità di supporto internazionale.

Come software preinstallato nelle versioni 64 Bit e 32 Bit possiamo annoverare:

ufficio :

  • Libre office Calc (foglio di calcolo)
  • Libre office Base (gestione database)
  • Libre office Draw (disegni, diagrammi di flusso e loghi)
  • Libre office Impress (creare e modificare presentazioni, diapositive e pagine web)
  • Libre office Math ( creare e modificare formule scientifiche ed equazioni)
  • Libre office Writer (creare e modificate testi, lettere, rapporti, documenti e pagine web)
  • Visualizzatore pdf Atril
  • gLabels (crea biglieti da visita, copertine dvd e adesivi su formati prefuztellati)

Audio e Video:

  • Brasero (crea e copia cd e dvd)
  • Cheese (scatta fotografie e crea video usando la web cam)
  • Kazam (registra una sessione video del desktop in tempo reale)
  • VLC (legge acquisisce e trasmette i tuoi flussi multimediali)

Grafica:

  • GIMP (crea immagini e modifica fotografie, fotoritocco e animazioni)
  • simply scan (gestione dei dispositivi di scansione, scanner)

Internet:

  • Gestore mail Thunderbird
  • Browser Mozilla Firefox
  • Transmission per il dawnload file torrent

e molto altro…

Mentre nella versione Light troviamo gli stessi pacchetti ma in versione leggera…

  • Abword x i testi
  • gnumeric per i fogli di calcolo
  • vlc
  • browser WebKit per navigare
  • gimp per la grafica
  • transmission per i file torrent e molti altri programmi utili ad un uso proficuo fin dalla prima installazione

Monfy-Mate 15.1 come le sue versioni precedenti è stato creato usando Systemback per cui l’installer non è automatico ma bisogna intervenire sulle partizioni (questa operazione, come qualsiasi nuova installazione, cancellerà definitivamente tutti i vostri dati, premunitevi facendo ricorso ad un back-up dei vostri documenti)

la password creata con systemback è e sarà sempre ubuntero,

Monfy-Mate come tutte le distribuzioni Linux, che esse siano ufficiali, non ufficiali, derivate o semplici remix è e sarà sempre gratiuto.

Monfy-Mate è tutt’ora alla versione 15.1 e potrà subire delle migliorie in futuro quindi si avranno delle numerazioni differenti.

Monfy-Mate è supportata dalla casa madre Ubuntu 14.04.1 fino al 2019!

Ubuntu è per esseri umani, Monfy-Mate è una remix dalla semplicità estrema…

Nella pagina About it ci sono tutti i link per scaricarla, e il manuale per l’ìnstallazione