RSS

Elenco (parziale?) di PA et simili che sono passati a software “libero”

13 Feb

30.09.13 – Francia
— La “Gendarmerie” converte 37mila PC a Linux, ed è solo l’inizio —
France’s National Gendarmerie — a national law enforcement agency — is now running 37,000 desktop PCs with a custom version of the Linux operating system, and by summer of next year, the agency plans to move all 72,000 of its desktop machines to the open source OS.[…]
The agency claims the total cost of ownership of Linux and open source applications is about 40 percent less than proprietary software from Microsoft[…]
[fonte: http://www.wired.com/2013/09/gendarmerie_linux/]

01.10.13 – Italia
— Le province di Perugia, Bolzano, Cremona e Macerata e la CISL migrano a LibreOffice —
Tra le nuove province a migrare a LibreOffice troviamo  Perugia, Bolzano, Cremona e Macerata, il passaggio da software proprietario al software libero farà risparmiare circa 100.000 Euro[…]
[fonte: http://www.lffl.org/2013/10/le-provincie-di-perugia-bolzano-cremona.html]

02.10.13 – Taiwan
— A Taipei (Taiwan) 10.000 pc passano da Windows a Kubuntu Linux —
Il governo di Taipei in Taiwan ha deciso di installare EZGO 11, distribuzione Linux basata su Kubuntu in ben 10.000 personal computer tutto questo facendo risparmiare molti soldi oltre ad adottare un sistema stabile e soprattutto sicuro.
A beneficiare dei 10.000 saranno principalmente le scuole di Taiwan dove gli insegnanti hanno deciso già da diverso tempo di insegnare ai propri alunni sistemi liberi come OpenOffice al posto di Microsoft Office.
[ita: http://www.lffl.org/2013/10/a-tapei-in-taiwan-10000-pc-passano-da.html]
[fonte: https://dot.kde.org/2013/10/02/ezgo-free-and-open-source-software-taiwans-schools]

29.10.13 – Italia
— Red Hat Linux per l’information technology di Sky Italia —
Il progetto più recente ha visto la migrazione del sistema CRM aziendale da una piattaforma legacy a Red Hat Enterprise Linux. Completato nel corso di soli due mesi grazie anche ad un’accurata fase di analisi e progettazione, il progetto ha portato al raddoppio della capacità di gestione dei workload, ad un incremento medio del 30% delle prestazioni a livello di servizi di business e ad una diminuzione stimata del TCO complessivo che potrà arrivare al 70%
[fonte: http://www.digital-sat.it/ds-news.php?id=35146]

12.11.13 – Olanda
— Anche l’Olanda consiglia Linux agli utenti e aziende che ancora utilizzano Microsoft Windows XP —
Tra le alternative si indica di aggiornare (se possibile) il sistema operativo a Microsoft Windows 7 o 8 anche se questo ha un costo, inoltre se il personal computer è datato è probabile che la nuova versione non sia supportata. La migliore alternativa gratuita rimane quindi Linux, in questo caso viene indicata la distribuzione Ubuntu e Red Hat la prima per i normali utenti mentre la seconda per le aziende che cercano principalmente stabilità e sicurezza.
[ita: http://www.lffl.org/2013/11/anche-lolanda-consiglia-linux-agli.html]
[fonte: https://www.ncsc.nl/binaries/nl/dienstverlening/expertise-advies/kennisdeling/factsheets/factsheet-stop-met-gebruik-windows-xp/1/Factsheet%2BStop%2Bmet%2Bgebruik%2BWindows%2BXP.pdf]

23.12.13 – Uruguay
— L’Uruguay passa ufficialmente al Software Libero e Formati Aperti  —
L’arrivo della nuova legge in Uruguay arriva dopo ben 10 anni di progetti di legge che per svariate motivazioni andavano archiviati nei cassetti, dopo un lungo travaglio arriva finalmente la nuova “Legge di Software Libero e Formati Aperti nello Stato” che obbliga l’uso di software libero e formati aperti in tutti i pc della pubblica amministrazione ma non solo, l’articolo 3 indica come sia d’interesse generale che il sistema educativo provveda a promuovere l’uso di software libero.
[ita: http://www.lffl.org/2013/12/luruguay-passa-ufficialmente-al.html]
[fonte: http://cesol.org.uy/contenido/comunicado-cesol-ante-aprobacion-ley-sl-estado-uruguayo]

21.01.14 – Italia
— LibreUmbria: risparmiati oltre 220.000 Euro pubblici grazie a LibreOffice —
La migrazione a LibreOffice per 1000 personal computer è costata circa  56.000 Euro, (spese sostenute a tecnici che hanno dovuto rimuovere la suite per l’ufficio MS Office e installare LibreOffice) mentre il prezzo dello stesso numero di licenze di Microsoft Office ammonterebbe a 284.490 Euro.
[fonte: http://www.libreumbria.it/category/il-progetto/]
[uk: http://www.zdnet.com/like-driving-a-ferrari-at-20mph-why-one-region-ditched-microsoft-office-for-libreoffice-7000025246/]

30.01.14 – Regno Unito
— Il Governo del Regno Unito sta pensando di abbandonare Microsoft per puntare su LibreOffice —
A quanto pare anche anche il Governo del Regno Unito sta valutando di passare da Microsoft Office a software open source come LibreOffice, migrazione che farà risparmiare molti soldi utilizzando in futuro anche formati liberi
[fonte: http://www.theguardian.com/technology/2014/jan/29/uk-government-plans-switch-to-open-source-from-microsoft-office-suite]

11.03.14 – Italia
— Provincia di Bolzano: software libero, risparmio da 1 milione di euro l’anno —
Risparmiare fino a 1 milione di euro l’anno. Questo l’obiettivo della Giunta provinciale in tema di software libero. “Non vogliamo una battaglia ideologica tra open soure e licenze a pagamento sui computer provinciali – ha detto il Presidente Kompatscher – ma vogliamo fare in modo che i cittadini abbiano la massima accessibilità possibile ai documenti”.
[fonte: http://www.provincia.bz.it/news/it/news.asp?news_action=4&news_article_id=452827]

22.05.14 – Italia
— Trieste passa a software libero —
Il comune di Trieste ha annunciato nei giorni scorsi il passaggio a software libero per l’office automation. La comunità italiana di LibreOffice ha scritto una lettera aperta al sindaco invitandolo ad unirsi alla sempre più numerosa comunità di Pubbliche Amministrazioni che hanno scelto LibreOffice.
[fonte: http://www.libreumbria.it/2014/05/trieste-passa-a-software-libero/]

27.06.14 – Italia
— Il Comune “licenzia” Microsoft Office —
Comune di Udine dice addio a Microsoft Office e alle licenze a pagamento per i computer dell’amministrazione. Ma soprattutto punta a rivoluzionare l’intero sistema informatico con software open source sempre aggiornati e, contemporaneamente, risparmiare nei prossimi anni circa 360 mila euro.
[fonte: http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2014/06/27/news/il-comune-licenzia-microsoft-office-1.9502355]

04.07.14 – Sud Corea
— La Corea del Sud sceglie Linux come alternativa a Windows 7 —
A quanto pare la Corea del Sud ha già iniziato a programmare la migrazione che dovrebbe terminare tra sei anni al termine del supporto di Windows 7, sistema operativo proprietario che verrà sostituito con Linux
[fonte: https://joinup.ec.europa.eu/community/osor/news/south-korean-government-switch-open-sourcehttps://joinup.ec.europa.eu/community/osor/news/south-korean-government-switch-open-source]

22.07.14 – Svizzera
— Ginevra: le scuole cominciano a migrare in Ubuntu e LibreOffice —
A puntare su Linux e il software libero troviamo anche la Repubblica e Cantone di Ginevra che ha deciso di passare da  Windows a Ubuntu e da Microsoft Office a LibreOffice per tutte le scuole primarie e secondarie del cantone svizzero
[fonte: http://www.lffl.org/2014/07/ginevra-svizzera-scuole-migrare-ubuntu-libreoffice.html]

23.07.14 – Francia
— Tolosa risparmia 1 milione di euro grazie al passaggio al software libero —
La migrazione da Microsoft Office a LibreOffice è iniziata nel 2012 e ha portato la suite per l’ufficio open source in più del 90% dei personal computer della pubblica amministrazione.
Il comune spendeva circa 1,8 milioni di Euro ogni tre anni per le licenze di Microsoft Office, mentre la migrazione a LibreOffice è costata solamente 800.000 Euro soldi richiesti dai vari tecnici per installare la suite per l’ufficio open source nei vari pc del comune di Tolosa e per varie lezioni ai dipendenti comunali.
Solo con le licenze il comune di Tolosa ha risparmiato 1 Milione di Euro, oltre a non dover più “sborsare” soldi per licenze di MS Office per prossimi anni.
[fonte: https://joinup.ec.europa.eu/community/osor/news/moving-libreoffice-saves-toulouse-1-million]

23.07.14 – Spagna
— Valencia: Linux nelle scuole fa risparmiare 36 milioni di Euro —
Lliurex è distribuzione Linux indipendente gestita dal Ministero delle Finanze e della Pubblica Amministrazione, durante l’installazione, gli utenti possono scegliere tra diverse varianti come ad esempio al versione per uso domestico (è disponibile la variante dedicata ai bambini), ottimizzata per le scuole e piccole e medie imprese.
La nuova versione di Lliurex ha introdotto non solo nuovi aggiornamenti ma anche software dedicati per migliorare la gestione della stampa riducendo cosi i vari costi, sono state incluse anche nuove funzionalità e miglioramenti per insegnanti, studenti, famiglie e personale tecnico.
[fonte: http://www.lffl.org/2014/07/valencia-linux-scuole-risparmiare-36-milioni-euro.html]

04.08.14 – Italia
— Il Comune di Torino rinnova i pc e dà l’addio a Microsoft: “Risparmiamo 6 milioni” —
[…] come Davide contro Golia, stanno addestrando le truppe in vista di una rivoluzione: fare di Torino la prima città d’Italia completamente “open source”, liberata dalla tirannia del “software proprietario”, milioni di euro che dalle tasche del contribuente prendono il volo ogni anno verso la Silicon Valley
[fonte: http://torino.repubblica.it/cronaca/2014/08/03/news/il_comune_rinnova_i_pc_e_d_laddio_a_microsoft_risparmiamo_6_milioni-93067980/]

08.08.14 – Russia
— Il Governo Russo dice addio a Microsoft e Oracle per puntare su Linux —
Anche la Russia ha deciso di puntare su Linux, sistema operativo libero in grado di tagliare i ponti con aziende statunitensi, ad annunciarlo è il sito ufficiale del governo russo, indicando che molto probabilmente il Ministero della Salute abbandonerà presto software proprietari di Oracle e Microsoft per sostituirli con software open source.
[ita: http://www.lffl.org/2014/08/governo-russo-addio-windows-oracle-linux-open-source.html]
[fonte: http://gov.cnews.ru/top/2014/08/06/minzdrav_rf_otkazyvaetsya_ot_subd_oracle_i_microsoft_v_polzu_svobodnogo_po_581882]

09.08.14 – Italia
— Viterbo dice addio a Microsoft Office. Photoshop ecc e sceglie il software libero —
La Provincia ha deciso di implementare l’utilizzo del software libero su tutti gli applicativi con l’obiettivo da un lato di modernizzare e rendere più efficiente la rete tecnologica interna, dall’altro favorire una consistente riduzione dei costi a carico della pubblica amministrazione, non rinnovando le licenze di software proprietario attualmente in vigore e prossime alla scadenza.
[fonte: http://www.provincia.viterbo.gov.it/home/news/6045-palazzo_gentili_da_il_disco_verde_allutilizzo_del_software_libero.html]

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 febbraio 2015 in Monfy-Mate

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: